Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.

Recensioni

101 cose da fare per andare alle medie e uscirne vivi di Annalisa Strada

Un utile manualetto che propone alcune prove da svolgere un po’ ovunque, da soli e in compagnia, al fine di giungere ad alcune importanti conquiste pratiche e psicologiche (imparare a cucinarsi un piatto di pasta, prendere un autobus in totale autonomia, ma anche accettare il proprio fisico o districarsi tra i delicati equilibri delle convenzioni sociali). Se deciderete di leggerlo non dimenticate di indossare un paio di mutande pulite (perché sì, serviranno pure quelle!)

Anveersia – Il Centromondo di Gregorio Bisio

Benvenuto ad Anveersia, viaggiatore. Benvenuto in un mondo popolato da maghi, streghe, gargoyle e altre creature tanto affascinanti quanto sorprendenti. Un mondo magico ma anche paradossale, giacché la gente ha paura dei suoi stessi poteri, al punto da sottoporsi a delicati interventi per sbarazzarsene o da eleggere un dittatore che reprima la magia...

Biblion di Merilù Lanziani

Benvenuti a Biblion, la Biblioteca Universale, un luogo immenso che tra i suoi libri racchiude la storia della vita di tutte le persone che dall’origine dell’umanità a oggi sono esistite sulla Terra. E se a scrivere queste storie fossero proprio individui come noi e il destino di ogni abitante del mondo fosse decretato da un unico, grande dio-scrittore?

Buchi nel deserto di Louis Sachar

Quando ho iniziato a leggere Buchi nel deserto, sul subito ho creduto che si trattasse di un libro un poco surreale ma dall'anima e le intenzioni prettamente umoristiche. Invece, non senza meraviglia, ben presto ho dovuto ricredermi...

Campione in gonnella di David Walliams

Cosa potrebbe succedere se un bel giorno Dennis, campione di calcio indiscusso, decidesse di andare a scuola vestito e truccato da ragazza? Fingendosi un'elegante e raffinata studentessa francese di nome Denise? Reggetevi forte, perché in questo libro ne vedrete delle belle (e non parlo solo di strepitose décolleté o di pochettes da urlo, garantito!).

Che giornata! Maxi finestrelle di Lisa Lupano

Trovo questo libro davvero azzeccatissimo per i bambini in età prescolare (3-5 anni). Ai miei occhi è una sintesi perfetta di tutto ciò che si impara alla scuola dell’infanzia, e ogni singola pagina è stata pensata con cura, in un’ottica ludico-educativa, senza lasciare nulla al caso.

Ci chiamavano le mosche di Davide Calì e Maurizio A. C. Quarello

Benvenuti in un nuovo mondo, una versione apocalittica della Terra in cui c’è stato un misterioso Lampo Blu che ha distrutto la vita per come l’abbiamo sempre conosciuta. Ora tutto è deserto, e ci sono montagne di rifiuti un po’ ovunque: quotidianamente, manipoli di ragazzini – chiamati “mosche” – hanno il compito di scandagliare il cumulo di robaccia che è stato loro assegnato per procacciarsi qualcosa da rivendere. Ma un giorno tutto cambia, perché Poubelle, uno dei più scaltri del gruppo, trova un oggetto dal valore inestimabile...

Cosa ha perso la topolina inglese? di Mark Pallis

A chi non è mai capitato di perdere qualcosa? Non fate i timidi, so che è un grattacapo con cui avete dovuto fare i conti anche voi, una volta o l'altra! Ma cosa accadrebbe se all'Ufficio degli Oggetti Smarriti non spiccicassero una sola parola della vostra lingua? In tal caso vi aspetterebbe una ricerca davvero impegnativa... Quasi da perderci la ragione!

Dov'è tua sorella? di Puck Koper

Se non siete figli unici questa domanda vi suonerà scontata, persino banale: "Che fine ha fatto tuo/a fratello/sorella?". Ma quando a sparire è Rebecca, con il suo bellissimo cappottino rosso a pois e la sciarpina azzurra, nel pieno di un centro commerciale dove ogni singolo oggetto è esattamente di quei due colori... be', vi consiglio di indossare i vostri occhiali da vista migliori, perché sì, ne avrete davvero bisogno!

Fiori di neve di Sonia Maria Luce Possentini

Ma la neve è davvero, "solo", neve? E se invece ci fossimo sempre sbagliati? Se i fiocchi fossero, al contrario, dei petali e il cielo un'immensa coltivazione in cui alcuni curiosi giardinieri si affaccendano per prendersi cura dei fiori di ghiaccio? Ecco un'interessante domanda. A voi scoprire la risposta...