Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.

Recensioni

Ci chiamavano le mosche di Davide Calì e Maurizio A. C. Quarello

Benvenuti in un nuovo mondo, una versione apocalittica della Terra in cui c’è stato un misterioso Lampo Blu che ha distrutto la vita per come l’abbiamo sempre conosciuta. Ora tutto è deserto, e ci sono montagne di rifiuti un po’ ovunque: quotidianamente, manipoli di ragazzini – chiamati “mosche” – hanno il compito di scandagliare il cumulo di robaccia che è stato loro assegnato per procacciarsi qualcosa da rivendere. Ma un giorno tutto cambia, perché Poubelle, uno dei più scaltri del gruppo, trova un oggetto dal valore inestimabile...

Gli amici di Greta – Incontra la squadra che salverà la Terra di Loll Kirby e Adelina Lirius

Un viaggio illustrato intorno al mondo, alla scoperta di bambini e ragazzi che attraverso piccoli gesti stanno veramente cambiando le sorti del nostro futuro. La buona notizia è che per migliorare il pianeta non ci sono limiti d’età: tutti abbiamo l’opportunità di agire e di diventare protagonisti del cambiamento, partendo da poco, da noi stessi e da ciò che facciamo ogni giorno. Tutto è nelle nostre mani, letteralmente, come le pagine di questo libro da sfogliare per trarre ispirazione e iniziare a dare il nostro personale contributo alla causa.

Il diario di Stick Dog di Tom Watson

Un inebriante profumino di hamburger si sta diffondendo nell’aria: è estate, la stagione delle grigliate è appena iniziata e gruppi di sciocchi, irritanti umani si ammassano nei gazebi di Parco Picasso per far sfrigolare sulla griglia chili e chili di carne succulenta. Proprio quello che Stick Dog stava aspettando: è l’occasione giusta per fare una bella scorpacciata e sottrarre qualche hamburger a quegli sprovveduti...

Il diario di Stick Dog 2 – Stick Dog vuole un hot dog di Tom Watson

Tornano le esilaranti avventure di Stick Dog, Babà, Striscia, Karen e Meticcio. Non li conoscete? Be', non sapete cosa vi state perdendo, allora. Con loro c'è da ridere fino alle lacrime. Anzi, fino alla bava. E finirete per rincorrervi la coda, garantito. Oh, sì: e non vi ho detto il meglio: per ogni libro che leggerete, vi verrà una gran fame...

Il quarto porcellino di Elena Soprano

E se vi dicessi che la versione de I tre porcellini che conoscete è sbagliata? Che in realtà ce lo hanno sempre tenuto nascosto, ma che i fratelli in questione non erano tre, bensì… quattro? Ma allora la domanda sorge spontanea: il quarto porcellino della storia che fine ha fatto? Come mai nessuno parla di lui? E poi… non è che magari neanche sul lupo ce la raccontano giusta, eh?

Jerry Todd e la mummia sussurrante di Leo Edwards

Non fatevi ingannare dalla copertina: questo libro è un piccolo gioiello del giallo per ragazzi (no, non intendo dire che qualcuno lo ruberà, state tranquilli...). Una grande avventura, all'insegna del divertimento e di mille peripezie, che ci porterà lontano, prima in Egitto e poi nell'America dei primi del Novecento. Se vi piacciono il gelato, i miagolii usati come segnali in codice e se amate indossare i pantaloni al contrario, questa è la storia che fa per voi. Ah, sì, devono piacervi anche i misteri e i detective, naturalmente...

Matilde di Roald Dahl

Matilde è una delle opere di Roald Dahl che amo di più in assoluto, perché parla di libri e di amore per la lettura, d'intelligenza e di buon cuore, di altruismo e di magia.
Mai come in questo libro "pensare", "usare il cervello", "ragionare con la propria testa" assumono una connotazione reale e concreta, al punto da diventare armi con le quali combattere l'arroganza, l'ignoranza e il bullismo.
Un libro indimenticabile e affascinante, commovente e arguto che consegna Dahl all'olimpo degli scrittori per eccellenza. Da non perdere.

Storie di fate, maghi e incantesimi di Paolo Valentino e Tea Orsi

C'erano una volta delle illustrazioni stupende, che decisero di andare ad abitare in un libro di fiabe che era già di ottima fattura... Fu così che il libro divenne davvero una favola, tanto bello che tutti lo volevano collezionare o regalare. Tranquilli, il lieto fine è assicurato!