Buongiorno Dottore

  • Voto:
  • (4/5)
  • Età consigliata: da 3 a 5 anni
  • Editore: Babalibri
  • Genere: Umoristico

Descrizione e trama

Andare dal dottore non piace a nessuno, soprattutto quando c'è una lunga coda da affrontare prima che sia il nostro turno: tra starnuti, lamentele, chiacchiere sul tempo, pianti e sbuffi d'impazienza, stare in attesa può rivelarsi una vera tortura! Eppure vi assicuro che c'è chi se la cava moolto peggio di così. Immaginate che cosa succederebbe se voi foste una pecora in fila dal dottore e accanto a voi ci fosse seduto un lupo con il mal di pancia... o anche solo se voi foste una papera e sprofondato nella poltrona vicina ci fosse un coccodrillo con il mal di denti: in questo caso sono certa che non vi dispiacerebbe più il vecchietto con il naso che cola, non è vero?

La sala d'aspetto di Buongiorno Dottore è piena di sorprese e i buffi pazienti del medico protagonista del libro sono anche più sorprendenti. Quali assurde malattie avranno? Ma soprattutto, cosa succederà a tutti coloro che restano seduti ad aspettare con un famelico lupo? Leggetelo mentre siete in coda dal vostro dottore e lo scoprirete!

Autore

Michaël Escoffier è uno scrittore francese. Sfortunatamente non ho trovato in Internet alcuna biografia esaustiva, pertanto mi limiterò a copiare quella prelevata dal sito dell'editore italiano di Un mammut nel frigorifero (Babalibri), che tuttavia credo renda bene l'idea sul personaggio: «Nasce in Francia nel 1970. Cresciuto in una famiglia  di triceratopi, scopre presto una passione per la scrittura. Vive a  Lione con moglie e i suoi due bambini.»

Illustratore

Matthieu Maudet, francese anche lui, ha illustrato moltissimi libri, si è  occupato di fumetti e ha collaborato più volte con Michaël Escoffier.

Giudizio

Michaël Escoffier ha la grande capacità di riuscire a trasformare una situazione perfettamente ordinaria in un'avventura inaspettata e sorprendente.La domanda che sembra porsi, in questo come in altri libri, è cosa succederebbe se... e nel caso specifico se al posto dei pazienti "ordinari" in sala d'attesa ci fossero degli animali: quali malanni potrebbero avere? Come interagirebbero tra di loro? E con il dottore?Il rischio di una simile idea è quello di farla scadere in un siparietto da veterinario, con zampe rotte, zecche infestanti, vaccinazioni, sterilizzazioni e via discorrendo; al contrario, Escoffier usa lo stratagemma dell'antropomorfismo attribuendo agli animali malesseri prettamente umani, dall'infilarsi una gomma da masticare nel naso allo stecchetto del lecca-lecca incastrato tra i denti.L'originalità e il rovesciamento delle aspettative sono anche date dalla scelta della fauna da portare dal medico, tra cui spiccano animali esotici quali il coccodrillo e l'elefante, invece dei soliti cani, gatti e criceti.

Il libro, corredato da illustrazioni ad hoc che ricalcano lo spirito umoristico e scanzonato della trama, stupisce e fa ridere, coinvolge i bambini, li entusiasma, li sprona a chiedersi che cosa succederà alle povere bestiole che restano in attesa con il lupo, li esorta a interrogarsi su un finale che lascia aperte infinite interpretazioni.

Alla fine di un pomeriggio all'insegna di Nati per Leggere, la maggior parte dei piccoli uditori si è dichiarata d'accordo nell'incoronare Buongiorno Dottore come la migliore storia ascoltata. Di fronte a un simile successo di pubblico, non posso che consigliarne vivamente la lettura! 

Consigliato!

Questo volume fa parte della bibliografia dei titoli scelti dal progetto nazionale "Nati Per Leggere"

Particolarità e consigli d'uso

  • Avvincente per una lettura animata, magari a più voci, grazie alla grande teatralità della trama e dei personaggi (consiglio di far partecipare attivamente i bambini, facendo domande su cosa sta succedendo nella storia e coinvolgendoli a più riprese, magari proponendo loro di scrivere un tema su quale finale si immaginano per il libro).
  • Ideale per trarne scenette o rappresentazioni. Ottimo come esempio per sviluppare storie e temi in classe a partire dalla regola "Che cosa succederebbe se..." (vedi sopra).
  • Consigliato per sfatare la paura di andare dal dottore e mostrare la sala d'attesa del pediatra come un luogo fantasioso, colorato e stimolante, cancellando la sua nomea di posto noioso e grigio. 
  • Indicato per laboratori e progetti sugli animali e sulla catena alimentare, nonché sulle malattie più curiose e sui piccoli incidenti di cui spesso siamo noi stessi la causa.

Se avete gradito questa lettura vi consiglio Un mammut nel frigorifero e Buongiorno postino della stessa accoppiata autore-illustratore (clic sui titoli per leggere le mie recensioni).

Altri libri su...

Commenti

Torna indietro